Mese: marzo 2015

Calabrone gigante asiatico

Postato il Aggiornato il

calabrone-giganteIl calabrone gigante asiatico è il più grande componente della famiglia delle Vespidae del mondo, nativo in Asia orientale temperata e tropicale. Il suo corpo è lungo circa 50 mm, con un’apertura alare di circa 76 mm. Le regine possono raggiungere una lunghezza di 55 mm. Ha la testa color arancione e molto larga, in paragone alle altre specie. Gli occhi composti e gli ocelli sono color marrone scuro; la mandibola è grande e arancione. Il torace della vespa mandarinia ha il caratteristico color dorato. Le zampe anteriori sono color arancione con tarsi marrone scuro; quelle centrali e quelle posteriori sono color castano scuro. Le ali dell’insetto sono di color grigio-marrone scuro. Il pungiglione della Vespa Mandarinia è lungo circa 6 mm e può iniettare un potente veleno che può danneggiare e addirittura sciogliere i tessuti e, quindi, provocare la morte . Nei villaggi montani del Giappone le larve e le pupe dei calabroni sono considerate una prelibatezza. Il calabrone gigante asiatico si può trovare in Corea, Cina, Taiwan, Indocina, Nepal, India, Sri Lanka e Giappone.

Gallo rosso

Postato il Aggiornato il

gallo russoIl gallo rosso è considerato il progenitore delle attuali razze domestiche. I malesi lo chiamano Kasiutu. Il maschio ha le lunghe e penzolanti piume della nuca, della testa e del collo colorate di tonalità giallo-dorata; il dorso è bruno-porpora, le penne delle ali sono bruno-castane e le maggiori tra di esse sono color verde-nero. L’occhio è rosso-arancio, la cresta ed i bargigli sono rossi, il becco è bruniccio. Le femmine hanno la cresta ed i bargigli appena accennati, le piume del collo non altrettanto lunghe e colorate di nero con i margini giallastri. Le loro dimensioni sono alquanto ridotte rispetto a quelle dei maschi, i quali raggiungono in lunghezza i sessantatré centimetri. Il gallo rosso vive nella penisola indiana, comune soprattutto nelle regioni orientali e settentrionali; diffuso anche nella penisola di Malacca e nelle isole della Sonda, si trattiene di preferenza ai limiti delle alte foreste, scendendo di rado al di sotto dei mille metri di elevazione.

Gerenuk

Postato il Aggiornato il

gerenukIl gerenuk è un’antilope che vive nell’Africa orientale e sembra un lontano parente della giraffa: ha un collo molto lungo che torna utile per mangiare le foglie dagli alberi più alti. “Gerenuk” in somalo significa “col collo da giraffa”. Per andare ancora più in alto, quando bruca le foglie dall’albero, si solleva reggendosi sulle sole zampe posteriori. Quando sono spaventati o temono l’arrivo di un predatore, i gerenuk scappano veloci, tenendo il collo abbassato per evitare di andare a sbattere nei rami degli alberi.

Piante aromatiche

Postato il

 

Basilico

Il basilico è una pianta erbacea annuale alta fino a 60 cm, con foglie opposte, ovali, lanceolate, a volte bollose, di 2-5 centimetri di lunghezza. Il colore delle foglie varia dal verde pallido al verde intenso, oppure è viola o porpora in alcune varietà. I fusti eretti, ramificati, hanno una sezione quadrata come molte delle Lamiaceae, e hanno la tendenza a divenire legnosi e frondosi. I piccoli fiori bilabiati, bianchi o rosei, hanno la corolla di 5 petali irregolari. Gli stami sono quattro e gialli. I semi sono fini, oblunghi e neri.  Sono state classificate circa 60 varietà che si differenziano per l’aspetto e l’aroma. Originario dell’India, il basilico è utilizzato tipicamente nella cucina italiana e nelle cucine asiatiche in Taiwan, Thailandia, Vietnam, Cambogia e Laos.

basilico1                basilico3

Basilico genovese                                                              Basilico tailandese

 

 

Postato il Aggiornato il

carallumaagave2

spirito degli alberipianta carnivora1

 

Piante e funghi hanno percorso assieme parti della storia evolutiva del Pianeta, le une influenzando le scelte adattative degli altri, e viceversa. Per questa ragione, la mia scelta di assemblare una categoria unica, di saldare le due forme di vita.

A differenza della categoria Animale, nella quale i sottogruppi sono nominati facendo riferimento alla suddivisione dei continenti (dal momento che ho voluto classificare le specie sulla base della distribuzione geografica), in questa categoria i due sottogruppi fanno riferimento ai regni fondanti della stessa. Nessuna suddivisione geografica, quindi, per l’estensione massiccia, reticolare e globale dei vegetali.

Bisonte europeo

Postato il Aggiornato il

bisonte europeoIl Bisonte europeo è una specie eurasiatica di bisonte. È il più grande animale terrestre rimasto in Europa; misura generalmente 2,8 – 3 m di lunghezza e 1,8 – 2,2 m d’altezza e pesa 300 – 920 kg. È mediamente più alto del Bisonte americano e i maschi possono raggiungere un peso maggiore rispetto al loro cugino d’oltreoceano. Rispetto a quest’ultimo il bisonte europeo ha una peluria meno folta nella parte anteriore del corpo mentre coda e corna sono più lunghe. Il bisonte europeo predilige ambienti forestali. Possiede 14 paia di costole, mentre quello americano ne ha 15. Gli esemplari adulti sono più alti di quelli americani ed hanno zampe più lunghe. Tendono ad avere abitudini alimentari da brucatore, piuttosto che da animale da pascolo come i cugini americani, a causa della differente struttura del collo.

Grazie agli sforzi di conservazione e reintroduzione il Bison bonasus ha evitato l’estinzione: intorno al castello di Bad Berleburg una piccola colonia si sta ampliando, ed è già nato il primo cucciolo allo stato brado.

conservazione,mammiferi,europa

Il bisonte europeo (Bison bonasus) è stato considerato estinto in natura nel 1927, quando rimanevano in vita solamente 54 esemplari, tutti in cattività. Secondo l’associazione Rewildling Europe, che segue molteplici progetti di tutela e reintroduzione in natura delle specie, la popolazione globale ha superato i 5000 esemplari; sono solamente 3200 o poco più, tuttavia, gli animali che vivono in mandrie libere o semi-libere. Per quanto riguarda la Germania, l’ultimo avvistamento di bisonti europei in natura risale ormai al 1746, ma da un anno a questa parte la situazione ha iniziato a cambiare grazie al progetto Wisent Welt Wittgenstein. Nei boschi che circondano il castello di Bad Berleburg, nella Renania Settentrionale-Vestfalia, è stata introdotta una piccola colonia di otto esemplari (un maschio, cinque femmine e due cuccioli). A questo gruppo iniziale si è aggiunto un nuovo componente, il primo cucciolo nato allo stato brado. Il progetto di conservazione è nato grazie a un finanziamento del Ministero dell’Ambiente tedesco, che ha stanziato 1,5 milioni di euro per la tutela e la reintroduzione in natura del bisonte europeo.

Postato il Aggiornato il

pantera nera 1ara1

ermellino1ghcfhjcgklkgjhcf

 

Gli animali costituiscono il più vasto Regno dei viventi, con oltre 1.800.000 specie differenti. Di queste, la classe degli Insetti ne raggruppa circa 900.000. L’incredibile adattamento evolutivo degli animali in base alle variazioni geologiche e climatiche, hanno permesso una straordinaria biodiversità, il più importante e ricco patrimonio della Natura.